TRATTAMENTO DELLA FASCITE PLANTARE CON COLLAGENE + ADIUVANTI E PALMITOYLETANOLAMIDE.

IMG_4503L’iniezione di cortisone può ridurre l’infiammazione della fascite plantare, tuttavia ci sono problemi potenzialmente gravi con iniezioni di cortisone nella zona del tallone.
Nel caso clinico descritto considerata la durata della sintomatologia, da circa un anno, l’efficacia del trattamento è ben correlata al breve periodo occorso per il miglioramento della patologia dolorosa, evidenziato dalla riduzione del punteggio VAS, dal rapido recupero delle attività occupazionali e dal riscontro ecografico che mostra la normalizzazione dell’inserzione della fascia plantare. Al controllo ad un anno il paziente non ha lamentato ulteriori episodi algici.

Il  contributo  della  PEA  meriterebbe  un o studio più  approfondito;  inizialmente  considerata  in  grado  di  svolgere  un  ruolo  prevalentemente  antiflogistico,  attraverso  la “ downmodulazione” del   rilascio   di   mediatori   infiammatori   da   parte   dei   mastociti   e   macrofagi,   è   oggi   cons iderata   elemento  chiave  nella  regolazione  dei  processi  alla  base  del  dolore  neurogenico  e  neuropaticooltre   a   manifestare   un   coinvolgimento   nei   meccanismi   di   protezione   come   ALIA   (Autacoid  Local   Injury   Antagonism).
TRATTAMENTO DELLA FASCITE PLANTARE CON COLLAGENE + ADIUVANTI E PALMITOILETANOLAMMIDE.

32Fascite_plantare_def

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: