Gli endocannabinoidi nella cura del dolore

Intervista al Dr. Vincenzo Di Marzo, Direttore di ricerca, Istituto Chimico Biomolecolare CNR Pozzuoli

In definitiva, sia pure con un meccanismo
diverso, analogamente a quanto detto sulla microglia, anche il mastocita
avrebbe un ruolo importante nella
produzione del dolore neuropatico
ma, mentre sulla microglia non esiste ancora un farmaco, qui c’è una
sostanza presente in natura che sarebbe in grado di arrestare il processo
innescato dai mastociti bloccandone
la degranulazione. Si tratta della palmitoiletanolamide (PEA) che è affi ne
agli endocannabinoidi e ne riproduce
gli effetti ma (meraviglia), solo quelli
positivi e non quelli disforizzanti…
perché agirebbe sul recettore cannabinoide 2 del mastocita e non sul
recettore cannabinoide 1 come fanno
gli endocannabinoidi.

http://www.pathos-journal.com/doc/Pathos_18,__2-3,_7__Glia,_mastociti_e_affini.pdf

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: